Regione Piemonte: necessario garantire i collegamenti transfrontalieri

7 febbraio 2016
A fronte della necessità di garantire urgentemente alle Regioni Piemonte, Liguria e Provence-Alpes-C˘te d'Azur un efficace collegamento transfrontaliero sulla direttrice ferroviaria Torino-Cuneo-Ventimiglia-Nizza, l'Assessore ai Trasporti della Regione Piemonte Francesco Balocco ha preso l'iniziativa, chiedendo la collaborazione dei soggetti interessati.

Per superare il disinteresse di RFF, gestore francese a cui spetterebbe la responsabilità dei lavori, Balocco ha chiesto a Rete Ferroviaria Italiana di farsene carico, stipulando una convenzione con la stessa RFF e predisponendo un dettagliato cronoprogramma per l'esecuzione delle opere infrastrutturali, finanziate dal decreto Sblocca Italia con 29 milioni di euro a patto che vengano cantierate entro il prossimo 30 giugno.

La Regione Piemonte è inoltre determinata a perseguire un'intensificazione generale dei servizi transfrontalieri verso la Francia e la Svizzera: per questo ha chiesto al Ministro Lupi di convertire i collegamenti Intercity sulla Torino-Genova, ormai superati dai treni regionali veloci, in nuovi servizi di carattere transnazionale sulla Torino-Cuneo-Ventimiglia-Nizza e sulla Domodossola-Iselle.

"Per il Governo sarebbe un modo di rendere un grande servizio alle esigenze di mobilità transfrontaliera dell'intero Piemonte, senza che ciò comporti alcun costo aggiuntivo", precisa Balocco. "Porterò le nostre proposte al prossimo incontro con liguri e francesi a Breil sur Roya, il 23 ottobre. Trenitalia e RFI dovranno essere seduti al nostro stesso tavolo, quel giorno, e così dovranno fare i loro omologhi francesi RFF e SNCF. Sono certo che tutti si faranno carico delle proprie responsabilità, e noi vigileremo affinchè ciò accada. Conto sul sostegno e sulla disponibilità del Ministro Lupi, che finora non è mai mancata. Sarò lieto, nella giornata di domani, di fare con lui il punto della situazione: con i lavori del tunnel stradale del Tenda, il collegamento ferroviario rimarrà per anni, nella zona, l'unica soluzione affidabile di mobilità".
A fronte della necessità di garantire urgentemente alle Regioni Piemonte, Liguria e Provence-Alpes-C˘te d'Azur un efficace collegamento transfrontaliero sulla direttrice ferroviaria Torino-Cuneo-Ventimiglia-Nizza, l'Assessore ai Trasporti della Regione Piemonte Francesco Balocco ha preso l'iniziativa, chiedendo la collaborazione dei soggetti interessati.

Per superare il disinteresse di RFF, gestore francese a cui spetterebbe la responsabilità dei lavori, Balocco ha chiesto a Rete Ferroviaria Italiana di farsene carico, stipulando una convenzione con la stessa RFF e predisponendo un dettagliato cronoprogramma per l'esecuzione delle opere infrastrutturali, finanziate dal decreto Sblocca Italia con 29 milioni di euro a patto che vengano cantierate entro il prossimo 30 giugno.

La Regione Piemonte è inoltre determinata a perseguire un'intensificazione generale dei servizi transfrontalieri verso la Francia e la Svizzera: per questo ha chiesto al Ministro Lupi di convertire i collegamenti Intercity sulla Torino-Genova, ormai superati dai treni regionali veloci, in nuovi servizi di carattere transnazionale sulla Torino-Cuneo-Ventimiglia-Nizza e sulla Domodossola-Iselle.

"Per il Governo sarebbe un modo di rendere un grande servizio alle esigenze di mobilità transfrontaliera dell'intero Piemonte, senza che ciò comporti alcun costo aggiuntivo", precisa Balocco. "Porterò le nostre proposte al prossimo incontro con liguri e francesi a Breil sur Roya, il 23 ottobre. Trenitalia e RFI dovranno essere seduti al nostro stesso tavolo, quel giorno, e così dovranno fare i loro omologhi francesi RFF e SNCF. Sono certo che tutti si faranno carico delle proprie responsabilità, e noi vigileremo affinchè ciò accada. Conto sul sostegno e sulla disponibilità del Ministro Lupi, che finora non è mai mancata. Sarò lieto, nella giornata di domani, di fare con lui il punto della situazione: con i lavori del tunnel stradale del Tenda, il collegamento ferroviario rimarrà per anni, nella zona, l'unica soluzione affidabile di mobilità".

(con la gentile collaborazione dell'Ufficio Stampa della Regione Piemonte)